giovedì 26 giugno 2014

Chi non sa, insegna.

Il problema dell'Italia sono i giovani, apologeti del fascismo e cultori di una democrazia autarchica, che credono di saper già tutto perché si sono diplomati col massimo dei voti. L'allargamento della piazza non ha causato altro che impoverimento della cultura e della voglia di approfondire. Ormai siamo tutti così ignoranti che i più alti esponenti di questa categoria fanno la voce grossa, senza il ragionevole dubbio di poter venir smentiti.
E io, che parlo solo quando so, non ricevo neanche un mi piace su Facebook.

4 commenti:

  1. Michael Crisafulli06/11/14, 19:41

    Ciao Salvo, forse non ti ricordi neanche di me, comunque sono capitato nuovamente per caso sul tuo blog e ho pensato di lasciarti un saluto! Come te la passi?

    P.s. Scusami per l'off topic al post

    RispondiElimina
  2. Ciao Michael! Certo che mi ricordo... tutto bene. Tu? Che si dice?

    RispondiElimina
  3. Bene dai, non pensavo neanche che avessi continuato il tuo blog! Alla fine che università hai scelto? Mi ricordo che era l'ultimo articolo che avevo letto anni fa!

    RispondiElimina
  4. Scusami se ti rispondo solo adesso... sono stato molto impegnato a preparare, tra le altre cose, un esame di GIURISPRUDENZA. Sì, lo so. Sta per finire dai :)

    RispondiElimina

I commenti offensivi e lo spam verranno cestinati