venerdì 1 aprile 2011

Bei tempi

Mammamia, sono entrati i nonni in casa, terrore e raccapriccio! Sono terribilmente rumorosi e desiderosi di attenzioni, e, per osmosi, trasformano anche i miei genitori in essere rumorosi e rompipalle. Ora, non che voglia male ai miei nonni o ai miei genitori, cioè non più di quattrocento volte al giorno, ma è terribile quando decidi di scrivere dopo due mesi che non ti concentri e ti spuntano loro in casa, rovinandoti l'ispirazione. Dovreste sentirli, sono tanto bellini, si mettono il più vicino possibile a me e mi parlano, mi parlano, mi parlano, per ore intere, senza perdere il filo o prendere il respiro; a volte parlano anche tra loro, però a voce più alta, devono dimostrarmi che mi stanno ignorando e che posso tranquillamente continuare a fare quello che stavo facendo senza essere in imbarazzo. Ma io non sono in imbarazzo, sono solo desideroso di silenzio e solitudine, soprattutto quando, cazzo, decido di scrivere. Già basta e avanza mia madre per farmi stress psicologico, e studia di qua, e studia di là, e fai questo e fai quello, e non perdere tempo scansafatiche. E mia nonna con i suoi "hai mangiato?" e "Salvuccio" (sì, Salvuccio. Embè?) non è quello che comunemente si definisce silenzio e solitudine. Anche perché da un mese dovevo scrivere 'sto pezzo.

Oddio, bellissima questa, mio nonno ha appena raccontato una scenetta da sballare: un bambino tenta di scippare una signora e questa, bloccandolo gli chiede: "Si fanno queste cose? Quando ti vede Gesù piange", e il bimbo: "Perché, se vede che muoio di fame ride?".
Comunque, devo scrivere questo post e lo farò. Non so se ve ne siete mai accorti, ma c'è una razza di persone che appena sente parlare di passato sospira e sorride. Non che io sia contrario alla rievocazione del passato, anzi, è piacevole, ma non sopporto quelli che, qualsiasi sia l'evento di cui si parla e qualsiasi sia la loro partecipazione ad esso, dicono "Bei tempi", come per dire che adesso è una merda e "Bei tempi" era un periodo incredibile. Ma facendo uno sforzo logico, e di memoria, ci si rende facilmente conto che:

a) "Bei tempi" non era poi così fantastico, fa solo figo che lo sia;
b) Se il passato in blocco è considerato "Bei tempi", è incoerente far passare il presente come un brutto periodo, perché inevitabilmente anche l'oggi entrerà a far parte dei "Bei tempi";
c) Quando si era nei "Bei tempi" non si pensava affatto che lo fossero, anzi, si diceva "Bei tempi" del passato;
d) È veramente stupido avere nostalgia di un periodo in cui avevi nostalgia di un altro, è come vivere in un continuo tunnel nostalgico.

Non dico che il passato non serva a vivere, ma semplicemente che non serve vivere nel passato. L'oggi e il domani sono gli unici momenti su cui puoi avere un'influenza cosciente e attiva, il passato è solo un rifugio dei depressi, di Pascoli e di Leopardi: capisco che sia carino somigliare a dei geni come Pascoli e Leopardi, ma non c'è bisogno di esagerare/sbavare/sospirare, cercando di colmare con la finzione la minoranza che vi è con costoro a livello intellettivo. Che poi è una mancanza di intelletto non rendersi conto da soli di quanto sia stupido tutto ciò e costringere un povero moralizzatore a farvi la predica. Non ho abbastanza tempo e, soprattutto, non sono abbastanza simpatico per potermelo permettere.
Piuttosto che cambiare il passato per rendercelo più gradevole e a nostra misura non potremmo cambiare il presente? Al posto di dire com'era bello quando c'era la democrazia non sarebbe meglio ristabilirla? E poi perché è così difficile ammettere che il passato spesso e volentieri era una vera merda proprio come oggi, e probabilmente domani? Perché non affrontare con coraggio la realtà, senza mistificazioni, senza alienarsi, ma solo sbattendoci contro le corna finché uno dei due non si spezza? Per fortuna non siam tutti brutti come Leopardi o disgraziati come Pascoli, possiamo fare qualcosa. Cazzo, mi sembro Obama. Perché i miei nonni mi hanno seguito anche in questa stanza, se mi sono deliberatamente spostato? Ora mangio, sì. Ora studio. Va bene, lasciatemi finire il periodo. Ecco, i miei nonni vivono nel passato, l'unico modo di sentirsi ancora vivi è rompere le palle a me: non diventate come loro, non dite più "Bei tempi", e soprattutto, lasciatemi in pace.

8 commenti:

  1. wow ... vedi che non sono l'unica ad avere idee contorte? xD tra un po' magari scriverai un post sull'ora legale xD comunque hai perfettamente ragione, infatti mia nonna, più realista, dice sempre: "ehh, prima non era come ora, ora si può fare questo e quest'altro, prima non si poteva" e "siete fortunati" eccetera XD
    besitoss

    RispondiElimina
  2. Avevo scritto il commento e mi si è completamente cancellato .___. Dimmi tu se si può essere più sfigati di così. Da quando ho questo maledetto portatile non riesco più a fare nulla.

    Io non sento dire "Bei tempi" solo ai nonni o agli anziani in generale, ma anche ad adolescenti che parlano solo di due anni prima. Quello che hai scritto è giustissimo ed è perfettamente logico, ma lo puoi dire tu, lo posso dire io, lo può dire un barbone per la strada che però ha riconosciuto quanto sia stupido vivere dei ricordi in cui aveva una vita normale; ma riconoscerlo non è facile per tutti o certuni semplicemente non vogliono farlo.
    Chi vive nel passato generalmente non ha nulla (o crede di non averlo, che è la stessa cosa) nel presente nè nulla nel futuro. Di conseguenza a questi manca la forza di prendere in considerazione il presente, di goderselo, di costruirsi un futuro soddisfacente.
    In conclusione non è così facile smettere di fare una cosa del genere, anzi, direi che è una specie di meccanismo del nostro cervello che difende i più deboli e ci salva dalla depressione o chissà, anche dal suicidio, visto che mi piace essere drastica :)

    Bel post e buona fortuna per la tua ispirazione! :D

    Irene.

    RispondiElimina
  3. @Lua: Osi pensare che le mie idee siano meno contorte delle tue? :P

    @Irene: d'accordissimo, è soprattutto dagli adolescenti che ho preso ispirazione,il loro "Bei tempi" è inammissibile... mentre i vecchietti son giustificati fintanto che non mi rompono le palle :P

    RispondiElimina
  4. @irene dopo "certuni" avrei messo un bel punto di domanda tra parentesi xD ahahahaha :p (scherzo eh xD)

    RispondiElimina
  5. @salvo: le mie idee sono più contorte delle tue, e sei fortunato che non riesca a scriverci dei post decenti, se no ti farei il culo u.u
    Mannaggia a te ;p

    RispondiElimina
  6. non abiamo bisongo dei bei tempi quando siamo felici

    RispondiElimina
  7. Chi vuole vedere una lotta a colpi di post fra Luana e Salvo alzi la mano!!!!! XDDD

    RispondiElimina
  8. io io ioooo ahahahahahha

    RispondiElimina

I commenti offensivi e lo spam verranno cestinati