giovedì 17 dicembre 2009

Un giorno andrò da Fazio

Immaginate un giorno di accendere la TV su un programma di cultura. Lo so, oggi non ce ne sono, ma un giorno ce ne saranno. Seduto su una poltrona rossa vi è un uomo sulla trentina, un bel paio d'occhiali, l'aria intelligente, sta rispondendo alle domande di un intervistatore.
Ecco, se voi quel giorno vi rendeste conto che quel tipo sono io, come reagireste?
E se voi non lo faceste, come reagirei io?
Ci sarà ancora questo blog, avrete il mio numero di cellulare?
Vi sarete scordati di me?
Sapete che io sto qui a rompervi le palle soprattutto perchè voglio che qualcuno abbia scoperto il mio talento sin dalla prima adolescenza? Guardi, signor intervistatore - dirò - c'è fior fior di gente che mi leggeva quando avevo sedici, diciassette anni e già si notava che quello lì sarebbe diventato qualcuno, che era una persona diversa.
Sì, siete il mio modo di tirarmela, in fondo: io scrivo per trasmettere, certo, ma anche per puro egocentrismo.
Da adulto, su quella poltrona, potrò dire che avevo un blog, dei lettori, e che ancora oggi quei miei primi lettori son davanti al televisore e mi hanno riconosciuto, mi hanno riconosciuto sicuramente e stanno facendo una faccia allucinata.
Oddio, guarda chi c'è in televisione? Ma è lui, è proprio lui? - si chiederanno. E se l'intervistatore mi chiederà come faccio a essere sicuro che mi abbiano riconosciuto, gli risponderò che ho scritto questo post, avvisandovi che avreste dovuto riconoscermi.
Non so se, nel caso io non mi trovi su quella poltrona, questo post potrà essere letto come consacrazione del fallimento della mia vita, ma so che comunque non lo pensereste, non potreste ritenermi un fallito.
E anche questa è fatta: questo dubbio mi serve per dire all'intervistatore che, in fondo, non ero proprio arrogante e presuntuoso al 100%, avevo persino messo in dubbio il mio essere qui, oggi, a presentare il mio libro-capolavoro.
Però voi ve ne renderete conto e riderete della mia ipocrisia, quelle son tutte stronzate: sono ambiziosamente presuntuoso e non penso di cambiare in futuro.
Quasi quasi mi salvo il post, così lo porto direttamente in programma e lo leggo lì, dimostrando che avevo già pianificato tutto.
Vi immaginate che scena?

17 commenti:

  1. biancaneve17/12/09, 22:34

    ahahahahahahhh sei uno spasso...ti auguro ogni bene

    RispondiElimina
  2. Bella scena, ma son sicura che in quel momento non starei guardando la TV XD

    RispondiElimina
  3. i programmi di cultura ci sono! basta cercarli...

    RispondiElimina
  4. Fazio non è cultura e nemmeno la Dandini... parlo di cultura cultura :P

    RispondiElimina
  5. penso che sarebbe comico XD
    "quindi non eri solo capace di scrivere ma anche di prevedere il futuro!" il presentatore dirà
    comunque hai manie di protagonismo assai accese LOL

    RispondiElimina
  6. leggiti l'autobiografia di nicola tesla, saranno 30-40 pagine che trovi su internet

    RispondiElimina
  7. Io la leggerò, ma tu dmmi che cosa pensi, sono sicuro che da solo non sarei capace di immaginarlo :D

    RispondiElimina
  8. È raro imbattersi in un ignorante come te. Sei un antisemita fascista maleducato e volgare.
    Le persone come te fanno vergognare il mondo.
    Perché non ti ammazzi?

    ...mi è arrivato questo messaggio stamattina nella mail firmato mario rossi da questa email: mariorossiqw@yahoo.it si vede che gli ebrei ashkenazi minacciano così i poeti che scrivono delle malefatte di israele

    RispondiElimina
  9. 5 bambine son morte sepolte
    dalla lor casa del campo a jabaliya
    4 8 12 14 17 anni tenevan in corpo
    la colpa di viver vicino a un inferno
    camuffato da stato moderno
    inventato nel secolo scorso
    da un inglese ed ebreo protestante*
    riunitosi in seno al suo clero zelante
    va avanti a distrugger di passo costante
    ogni anno ogni anno vicino a natale
    festeggiano sempre quel funerale
    di poveri cristi legati alla croce
    di essere nati nel posto più atroce
    da quando qualcuno potente ha deciso
    che sulla sabbia ci metterà il riso
    olive patate pompelmi ed arance
    portandosi l'acqua dal suo continente
    e desalandosi l'acqua restante
    c'è sempre qualcuno con aria festante
    in quella israele dai figli drogati
    di fede fasulla vicina al petrolio
    che restano fermi alle loro trovate
    decisi a tenersi quel poco di terra
    sempre più fertile dopo ogni guerra


    *mi riferisco a benjamin disraeli che da ebreo inglese di origine italiana si è fatto anglicano per entrare nel partito dei whigs poi passato ai tories e diventato presidente attivo

    RispondiElimina
  10. mhm j tutto ciò è molto interessante ma c'entra come il greco allo scientifico

    RispondiElimina
  11. volevo solo dire a salvo che se mi ammazzano qualcuno potrà avere una traccia sul perchè così da fargli immaginare i mandanti non come a pasolini che hanno dato la colpa a un marchettaro

    RispondiElimina
  12. Non credo tu sia tanto importante... possono ammazzare me, forse :P

    RispondiElimina
  13. speriamo di no ma se preferisci vai pure

    RispondiElimina

I commenti offensivi e lo spam verranno cestinati